Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

869. Er callo1

 

Uff! che bbafa2 d’inferno! che callaccia!
Io nun ho arzato un deto3 e ggià ssò4 stracca:
oh cche llasseme-stà!5 ssento una fiacca,
che nnun bbona de move6 le bbraccia.

 

Sto nnott’e ggiorno co li fumi in faccia,
sudanno7 a ggocce peggio d’una vacca;
che inzino la camiscia me s’attacca
su la pelle. Uhm, si ddura nun ze caccia.8

 

Ho ttempo a ffamme9 vento cor ventajjo,
a bbeve10 acqua e sguazzamme11 a le funtane:
è ttutto peggio, perché ppoi me squajjo.

 

Per maggnà, ccrederai? campo de pane.
E nnun te dico ggnente der travajjo
de ste purce,12 ste mosche e ste zampane.13

 

Roma, 7 febbraio 1833

 




1 Caldo.

2 Afa.

3 Alzato un dito.

4 Sono.

5 Il lassame stà (lasciami stare) è quella mala voglia che nasce da lassitudine.

6 Muovere.

7 Sudando.

8 Non si cava, cioè: «non se ne esce vittoriosi».

9 Farmi.

10 Bere.

11 Sguazzarmi.

12 Pulci.

13 Zanzare.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License