Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

876. Piú ppe la Marca annamo
piú mmarchisciàn trovamo1

 

Hai tempo a mmutà2 ppesi a la bbilancia,
c’ar fin de conti, a nnoi, pesa e rripesa,
sce3 tocca sempre de parà la guancia
sott’a li schiaffi de la Santa Cchiesa.

 

Cualunque legge nova avemo intesa,
nun dubbità, tutt’hanno la su’ francia.4
Duncue, o ppatí, o mmorì:5 cquesta è la mancia
che cce venne a intimà Ssanta Terresa.

 

Er Papa e li su’ preti taratufoli6
bbelli e bboni a mmaneggià li nerbi,
ma ppe ffà bbone Legge7 un par de sciufoli.8

 

Lo so er Papa, lo so ccome s’arrampica:9
lui se fa fforte co sti duproverbi:
chi fferra inchioda, e cchi ccammina inciampica.10

 

Roma, 9 febbraio 1833

 




1 Proverbio. Più si va e peggio si trova.

2 Hai bel fare a mutare, etc.

3 Ci.

4 Frangia: codicillo: giunta.

5 O patire, o morire: aut pati, aut mori.

6 Tartufi.

7 Leggi: pronunzia con entrambe le e aperte.

8 Un paio di ciuffoli: nulla.

9 Arrampicarsi: qui vale «tenersi su con sofismi».

10 Inciampa.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License