Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

878. Er Venardì Ssanto

 

Ne la Morte de Ddio la luna e ’r zole
co la famijja bbassa de le stelle
se messeno er coruccio;1 e ccastaggnole
s’inteseno per aria e zzaganelle.2

 

E cquesto vonno cquelle mazzole
e cquelli tricchettracche e rraganelle3
che sse fanno, pe ddillo in duparole,
de leggno, ferro, canna, crino e ppelle.

 

Er chiasso che cce fâmo4 è stato un voto
per immità cco li su’ soni veri
cuello der temporale e ’r terramoto.

 

E pperché Ccristo è mmorto, e oggi e jjeri
vedessivo5 arrestà llartare vòto
sino de carte-grolie e ccannejjeri.

 

Roma, 10 febbraio 1833

 




1 Si misero il lutto.

2 Due fuochi artificiali che dànno leggiere detonazioni.

3 Strumenti, coi quali i fanciulli fanno un fragore per le vie della città.

4 Facciamo.

5 Vedeste.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License