Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

883. Er marito de la mojje

 

Perch’è annata mi’ mojje a le Scalette?1


Perch’er zuPrelatuccolo è una piggna,2
che ar tempo bbono promette promette,
e appena vede er nero se la sbiggna.3

 

Ccusí ssuccede a cquelle poverette
che li preti je zappeno la viggna:
pe cquesti nun ze troveno lancette
che jje pòzzino4 mmezza sanguiggna.

 

Si er zuamico nun era un piggna-verde,
e ddava ar vicariato un po’ de taffio,5
nun aveva Luscìa ggnente da perde.6

 

Ma ssi llui ciariviè7 ccor zupataffio
de cuelle ducroscette de le mmerde,
me jaffiàro8 ar gruggnaccio, e jje lo sgraffio.

 

Roma, 10 febbraio 1833

 




1 Luogo di penitenza per le traviate.

2 Avaro.

3 Se ne cava: fugge.

4 Possano.

5 Mangiata.

6 Perdere.

7 Ci riviene.

8 Mi gli avvento.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License