Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

884. Er bravomo

 

S’è una gran testa!? ah nnò?:1 pporta er cudino:2
veste de nero come un carbonaro:
sa vventitré pparole de latino:
canta l’istorie come un istoriaro:

 

sòna un’arietta o ddua sur mannolino:
rifà3 a ppennello er rajjo der zomaro:
inzomma er zusciarvello è, in ner piú ffino,
piú ggrosso d’un bancon de mascellaro.4

 

Annate5 a ssentí llui, sputa sentenze
piú cche li servitori de commedia,
che nne potrieno empí mmille credenze.

 

Stanno6 viscino a llui cuanno che pparla,
sempre cuarche struzzione7 s’arimedia:8
si nun fussantro9 a llavorà dde sciarla.10

 

Roma, 10 febbraio 1833

 




1 Espressione ch’equivale a: «che ve ne pare? lo neghereste?».

2 Codino.

3 Imita.

4 Macellaio.

5 Andate.

6 Stando.

7 Istruzione.

8 Si rimedia.

9 Se non fosse altro.

10 Ciarla.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License