Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

886. L’allèvo1

 

La Mammana protenne2 che la pupa3
me sta ssempre accusí strana e ffurastica,4
perché la zinna mia è ttroppa cupa,5
e ’r mi’ calo6 è una spesce de scolastica.7

 

Cuantar tiro, eh cche vvòi! pare una lupa:
s’attacca ar caporello,8 e mme lo mastica,
e jje nnotte e ggiorno, e mme lo ssciupa,9
che mme scià10 ffatto ggià ppiú dd’una crastica.11

 

Oh vvadino12 a ddí: chi ha mmojje ha ddojje!
Nun zo ssi cce pozzèsse13 paragone
si14 ppeni piú er marito che la mojje.

 

Vienghino15 cqui a ssentí er farzo-sbordone16
ch’io canto cuanno er petto me s’accojje,17
e ddíchino18 chi ha ttorto e cchi ha rraggione.

 

Roma, 11 febbraio 1833

 




1 L’allievo.

2 Pretende.

3 Bambina.

4 Forastica.

5 Troppo rotonda.

6 Calata del latte.

7 Colostro: siero.

8 Capezzolo.

9 Scipa.

10 Ci ha.

11 Castrica: screpolatura.

12 Vadano.

13 Non so se ci possa essere.

14 Se.

15 Vengano.

16 Falso bordone.

17 Si accoglie: suppura.

18 Dicano.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License