Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

894. Li siggnificati

 

Lo sapevo da un pezzo, scioscia mia,1


che cquanno er zacerdote s’è apparato,2
oggni cosa c’ha ppresa in zagristia
tiè anniscosto er zubber ziggnificato.

 

Perantro, te confesso er mi’ peccato,3
sta cosa sola nun zo ddí cche ssia:
ciovè4 che mmentre scèlebbra un prelato
jabbino da tiené cquella bbuscía.5

 

Eppuro,6 cazzo, su stusanza fessa7
le poteveno cquattro parole
pe ssciferà una cosa ch’interessa.

 

Uhm, mai8 nun fussi cqua ddove je dole,9
che li vescovi fora de la messa
co le bbuscíe10 sce ggireno le mole.

 

Roma, 13 febbraio 1833

 




1 Ciocia mia: mia diletta, cara mia, etc.

2 Parata.

3 Ti confesso la mia ignoranza: ti dico il vero, etc.

4 Cioè.

5 Bugia.

6 Eppure.

7 Spiacevole, molesta.

8 Se mai, etc.

9 «Dove je dole»: dov’è il punto, dov’è il mistero.

10 Ci.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License