Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

898. Eppoi te sposo1

 

Eppoi me sposi, eh? Ppovero sciuchetto,2
fàteme un po’ ssentí ccor un detino
si vvamancassi mai cuarche ddentino!
Sciavete mamma? Volete er confetto?

 

Bravo er zor cascamorto innoscentino!
Co ste bbelle promesse de l’ajjetto,3
se scerca4 d’abbuscà cquarche ffiletto,5
eppoi fume de cappa de cammino.6

 

Dàmmela e ppoi te sposo: quant’è ccaro!
Er patto è ggrasso assai, ma nun me torna:7
rivienite a li trenta de frebbaro.

 

E ttant’e ttanto me credevi sciorna?8
cco mmé:9 tte conosco, bbicchieraro.10
Cqua, pprima de sposà, nnun ce s’inforna.

 

Roma, 15 febbraio 1833

 




1 Sposo: pronunciato con le o chiuse.

2 Ciuco significa «piccolo»; ciuchetto, «piccino».

3 Dell’aglietto. È un ripieno, per rendere ridicolo il soggetto; quasi: «promesse ridicole», ecc.

4 Si cerca.

5 Guadagno.

6 Fumo, fumarsela, ecc.: espressioni che indicano lo scomparire di alcuno.

7 Non fa al mio caso.

8 Semplice.

9 Non con me si riesce in simili artifici.

10 Espressione d’uso; quasi: «ti conosco, maschera».

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License