Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

899. Li fratelli de la sorella

 

De li fratelli bboni è vvero, Teta,
che ssi ne trovi dua ccasi rari;
ma li mii! li mii poi ppropio cari
com’e dducatenacci de segreta.

 

Storti,1 scontenti,2 menacciuti, avari:
tutto li fa strillà, ttutto l’inquieta...
E ttu mme dichi: «Sei ’n’accia de seta»!3
Vatte a ingrassà cco sti bbocconi amari.

 

Cualunque sciafrería4 porteno addosso
tutto ha da usscí dda ste povere mane:
e Iddio ne guardi si jje chiedo un grosso.5

 

Io ’r cammino, io la scopa, io le funtane...
Cuann’è la sera nun ciò6 ssano un osso!
Inzomma, via, sce7 schiatterebbe un cane.

 

Roma, 15 febbraio 1833

 




1 Stravaganti.

2 Aspri.

3 Sei magra.

4 Qualunque più minuta cosa.

5 Moneta d’argento da cinque baiocchi.

6 Ci ho: ho.

7 Ci.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License