Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

904. L’istesso

[L’Angeli ribbelli]

 

Letto l’editto, oggnangelo ribbelle
vorze1 caccià lo stocco, e ffasse2 avanti;
ma Ssan Micchele bbuttò vvia li guanti,
e ccominciò a sparà lle zzaganelle.

 

L’angeli allora, coll’ale de pelle,
corna, uggne,3 e ccode, tra bbiastime e ppianti,
tommolorno4 in ner mare tutti-cuanti,
che li schizzi arrivaveno a le stelle.

 

Cento secoli sani sce metterno5
in cuer gran capitommolo e bbottaccio
dar paradiso in giú ssino a l’inferno.

 

Cacciati li demoni, stese un braccio
longo tremila mijja er PadrEterno,
e sserrò er paradiso a ccatenaccio.

 

Roma, 16 febbraio 1833

 




1 Volle.

2 Farsi.

3 Unghie.

4 Tombolarono.

5 Misero: impiegarono.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License