Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

907. La regazza de Peppe1

 

Ma lo sai de cuer cefolo2 de Peppe?
Nun z’è incazzito3 appresso a cquella zozza4
piú ppeggio d’un turaccio de tinozza?
Io m’intese5 ggelà cquanno lo seppe.6

 

Cià una scrófola in gola che la strozza;
un fiato che jjodora de ggileppe,7
e un petto, un petto poi, che ssan Giuseppe
je sc’è ppassato cco la pianozza.8

 

Tiè ssottar collo un par de catenacci9
che sse potrebbe chiudesce10 una stalla.
Bbravo Peppetto mio! bbon pro jje facci.

 

Er gnocco j’ha ccrompato11 una casuppola
e cquanno ciaverà12 speso una spalla,13
si llappesta je dii de bbarb’in cuppola.

 

Roma, 17 febbraio 1833

 




1 La innamorata di Giuseppe.

2 Babbaccio.

3 Perduto.

4 Sozza.

5 Intesi, per «sentii».

6 Seppi.

7 Giulebbe.

8 Pialla.

9 Le clavicole.

10 Chiuderci.

11 Comperano.

12 Ci avrà.

13 Spendere una spalla: spendere quasi tutto il suo.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License