Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

908. Er re de li dolori

 

Ma cche ppolagra1 e ppannarisce:2 senti:
tu ne pòi mentovà ssino a ddomani,
ma uno spasimo simile a li denti,
cristoggesummaria, manco a li cani!

 

Pe mmé sso cch’io da diesci ggiorni a vventi,
ciò3 in bocca scento inferni sani sani.
E acqua de la Scala, e mmarva, e inguenti,
e sèntisce4 chierurghi, e cciarlatani!

 

Ggnente: ppiú cce ne faccio, e ppiú mme dòle.
Cuer che ppoi me fa rride è Ddelarocca.5
Disce: «Mettéte la radica ar zole».

 

Ma indove se ddà ppiú ccosa ssciocca!
L’ho er tempo io d’impiegà dduora sole
llí a bboccuperta, e cco le deta in bocca?

 

Roma, 17 febbraio 1833

 




1 Podagra.

2 Panereccio.

3 Ci ho: ho.

4 Sentici.

5 Celebre chirurgo, oggi morto.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License