Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

911. Li sette peccati mortali

 

Senti, te vojjo ssette segreti
su la distribbuzzion de li peccati.
L’avarizzia è er peccato de li preti,
e llusuria er peccato de li frati.

 

La superbia impallona li poveti
pe li loro sonetti stiracchiati:
e la gola incazzissce1 li tre cceti
de Cardinali, Vescovi e Pprelati.

 

Le donne attempatelle hanno l’invidia:
li cavajjeri cojjonati,2 l’ira;
e l’impiegati pubbrichi l’accidia.

 

Striggni poi tutto er zettenàrio, e ccapa:3
mettelo4 drentar bussolo, e ppoi tira:
cualunque pijji nun sta bbene ar Papa.

 

Roma, 17 febbraio 1833

 




1 Istupidisce.

2 Beffeggiati.

3 Scegli.

4 Mettilo.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License