Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

913. Le ricchezze priscipitose1

 

Me chiedi si2 ccom’è ccher terzo e ’r quarto
ch’ereno3 ggià er ritratto der malanno,
ccrompeno4 li titoli e tte vanno
in carrozz’a bbommè tutt’in un zarto:

 

subbito, bbello mio, ch’è ppiú dd’un anno5
che mmonteno la scala de l’apparto,6
devenèsse7 saliti tant’in arto
che nnun ze vedi8 ppiú cquello che ffanno.

 

Er CaporalAndrea, ch’è un artijjere,
disce: «A la bbomma9 bbast’a ddàjje10 foco,
e ’r resto va da sé ccomer dovere».

 

Pe nnun mutà ffurtuna a ppoc’a ppoco,
ma ddiventà addrittura cavajjere,
cqua nnun ze n’essce: o ffurti, o apparti, o ggioco.

 

Roma, 18 febbraio 1833

 




1 Subitanee.

2 Se.

3 Erano.

4 Comperano.

5 Subitoché, bello mio, è più di un anno ecc.

6 Appalto.

7 Debbono essere.

8 Non si veda.

9 Bomba.

10 Dargli.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License