Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

917. Er letto

 

Oh bbenedetto chi ha inventato er letto!1


Ar Monno nun ze ppiú bbella cosa.
Eppoi, ditelo voi che sséte sposa.
Sia mille e mmille vorte bbenedetto!

 

Llí ttra un re de corona e un poveretto
nun c’è ppiú regola. Er letto è una rosa
che cchi nun ce s’addorme s’ariposa,
e ssente tutto arislargasse2 er petto.

 

Sia d’istate o d’inverno, nun te puzza:
pôi stacce3 un giorno e nnun zentitte4 sazzio,
ché ar monno sc’è ppiú ttempo che ccucuzza.

 

Io so cc’appena sciò5 steso le gamme,6
dico sempre: Signore t’aringrazzio;
e ppoi nun trovo mai l’ora d’arzamme.7

 

Roma, 18 febbraio 1833

 




1 Questo verso, purificato qui al modo romanesco, è di Giulio Perticari, nella Cantilena di Menicone Frufolo. Il Cervantes disse in lingua sua le stesse parole in lode del sonno.

2 Riallargarsi.

3 Starci.

4 Sentirti.

5 Ci ho.

6 Gambe.

7 Alzarmi.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License