Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

918. Er Presidente de petto

 

Ce li Presidenti1 peggni urione,2
ma è ccome nun ce fussino,3 fratello.
Cuesto sta ar foco a rriscallasse:4 cuello
sente e rrisente, e nnun mmai raggione:

 

uno se fida d’un ispettorello...
Basta, nun vojjo mmormorazzione.
Fatt’è ccher fijjo de le propie azzione
sta ssempre tra l’ancudine e ’r martello.

 

T’aricordi lo schiaffo che mme diede
Marco? Tu mme discessi: «Va’, Ccremente,5
va’ a rricurre,6 pe ccristo»; e io sciaggnéde.7

 

Lo sai che mme concruse8 er Presidente?
«Oh vvia te l’avrà ddato in bona-fede:
nun me fate impiccià co staccidente».9

 

Roma, 18 febbraio 1833

 




1 I Presidenti regionari di polizia.

2 Rione.

3 Fossero.

4 Riscaldarsi.

5 Clemente.

6 Ricorrere.

7 Ci andai.

8 Concluse.

9 Con questo cattivo soggetto.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License