Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

923. La padrona bisbetica1

 

Nun ce pòzzo stà ppiú;2 nnun trovo loco:
in sta casa sce 3 ttroppi scompijji.
Cuanno aritorna Lei c’ha pperzo4 ar gioco,
pare propio una furia co l’artijji.

 

ccenà e nnun cenà: strapazza er coco:
mena a le donne: fa svejjà li fijji:
nnun arde er chenchè: mmó ppuzza er foco...
nun c’è inzomma con chi nnun ze la pijji.

 

Butta via li bbonè, straccia li guanti;
e llabbiti cqua e llà nne fa una spasa,5
bestemmianno er Ziggnore co li Santi.

 

Poi, per urtima bbotta de catubba,6
pijja quadrini dar Mastro de Casa,7
che ddiesci je ne , ddiesci n’arrubba.

 

Roma, 19 febbraio 1833

 




1 La principessa Chigi.

2 Non ci posso star più.

3 Ci sono.

4 Perduto.

5 Dal verbo spargere.

6 Gran cassa.

7 Il signor Patrizi.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License