Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

929. L’aritròpica1

 

Eh ’ggnicuarvorta2 che sse sii3 guastata
la massima4 der zangue, sora Nina,
sce vo antro che ppírole5 de china
pe aridà6 la salute a un’ammalata!

 

Guarda Checca: se trova mediscina
ner Monno che in cuer corpo nun c’è entrata?
C’è ppiú ddonna de lei mejjo trattata,
che nnun jamanca er latte de gallina?

 

Eppuro, ècchela llí. Cquann’io sciaggnede7
jerzera a rriportajje8 er biribbisse,9
me parze10 d’avé avanti un mort’in piede.

 

Tiè ddugamme accusí:11 ttanta de panza...
Uhm, ssi er male da sé nnun fa un ecrisse,12
pe llei dar tett’in giù13 nnun c’è speranza.

 

Roma, 3 marzo 1833

 




1 La idropica.

2 Ogni qual volta.

3 Si sia.

4 Massa.

5 Ci vuol altro che pillole.

6 Ridare.

7 Quand’io ci andai.

8 Riportarle.

9 Biribisso.

10 Parve.

11 Si deve accompagnare queste parole con un gesto di braccia.

12 Crisi.

13 Secondo le vie umane.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License