Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

936. La curiosità

 

La prima notte, per avé una prova
si1 la sposetta mia fussi curiosa,
je disse: «Oh, ffra le cossce io sciò2 una cosa
che nnun hai da sapé. Gatta sce cova».3

 

Poi finze de ronfà.4 Cquanto5 la sposa,
sapenno forzi6 che cchi ccerca trova,
me venne ar tasto der zalame e llova,
che ppe le donne rrobba golosa.

 

Figuret’io che nnun perdono mai!
Je sartai sopra; e llí cco lo spadone
in d’un ammèn-gesú7 la bbuggiarai.

 

Dillo tu, Achille mio, ebbe8 raggione?
Nun vennero accusí ttutti li guai
ch’Iddio sciarigalò9 ppe cquer boccone?

 

Roma, maggio 1833

 




1 Se.

2 Ci ho.

3 Mistero c’è.

4 Finsi di russare.

5 Ed ecco che ecc.

6 Sapendo forse.

7 In un momento.

8 Ebbi.

9 Ci regalò.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License