Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

937. Lo stato d’innoscenza

Sonetti 3

 

Senz’Eva e Adamo, e ssenza er pomo entrato
in cuelle inique dugolacce jjotte,1


pe nnoi poveri fijji de miggnotte2
nun ce saríammortepeccato.

 

L’omo averebbe seguitato a ffotte
cualuncue donna c’avessi incontrato,
e er Monno saría tutto popolato
da mezzoggiorno inzino a mmezzanotte.

 

E ccome all’omo, la medema sorte
saría puro3 toccata a oggnanimale,
pe nnun mette4 l’esempio de la Morte.

 

E invesce der giudizzio univerzale,
saría vienuto Iddio parecchie vorte
a ddà una slargatina ar materiale.

 

Roma, 2 maggio 1833

 




1 Ghiotte.

2 Bagasce.

3 Pure.

4 Mettere.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License