Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

939. Lo stato d’innoscenza

 

Si ppe1 cqualuncue bbuggera ggnisuno
nun potessi2 in ner Monno morí mmai,
me levi un antro dubbio, de che gguai
saría3 pellomo a stà ssempre a ddiggiuno.

 

Lei, sor Abbate, ha da capí cche oggnuno
potrebbe maggnà ppoco, o ggnente, o assai,
strozzà ppuro4 le pietre, e ccasomai5
bbeve6 er veleno senza danno arcuno.

 

E ccome cresscerebbe uno a ccroscetta?7
E a cche jje servirebbe er pane e ’r vino,
e ttutta stantra grasscia bbenedetta?

 

Ma cquer che ppreme è de sapé er distino
che Iddio sciavessi8 dato a sta bbuscetta9
dereto, co lliscenza, ar perzichino.10

 

Roma, 8 maggio 1833

 




1 Se per, ecc.

2 Potesse.

3 Sarebbe.

4 Ingoiar pure.

5 E bisognando anche, ecc.

6 Bere.

7 A digiuno.

8 Ci avesse.

9 Buchetta.

10 Vedi il Sonetto… verso…

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License