Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

941. Oggni asceto fu vvino

 

Se vede bbe1 a le tu’ smiracolate2
che a la scòla de Roma sei novizzio.
Che ffa3 ccar tempo che llui era frate
avessi oggni vertú co ggnisun vizzio?

 

Già cchissà ste vertú cquale state;
ma ppijjamole senza preggiudizzio:
nun zai tu cquante cose mmutate
da la natura der diverzuffizzio?

 

Prima era frate: adesso è ccardinale;
e cchiuncue tiè er culo in sto Colleggio
puzza de Papa; e cquesto è nnaturale.

 

Duncue me pare chiaro er privileggio
c’ha un zantomo d’annà dda bbene in male,
e, ssi llajjuta Iddio, da male in peggio.

 

Roma, 3 maggio 1833

 




1 Si vede bene.

2 Meraviglie.

3 Che rileva?, ecc.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License