Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

944. S.P.Q.R.

 

Quell’esse, pe, ccú, erre, inarberate
sur portone de guasi oggni palazzo,
quelle cquattro lettere der cazzo,
che nun vonno ggnente, compitate.

 

M’aricordo però cche dda regazzo,
cuanno leggevo a fforza de frustate,
me le trovavo sempre appiccicate
drent’in dell’abbeccé ttutte in un mazzo.

 

Un giorno arfine me te venne l’estro
de dimannanne1 un po’ la spiegazzione
a ddon Furgenzio ch’era er mi’ maestro.

 

Ecco che mmarispose don Furgenzio:
«Ste lettre vonno , ssor zomarone,
Soli preti qui rreggneno: e ssilenzio».

 

Roma, 4 maggio 1833

 




1 Dimandarne.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License