Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

945. L’omaccio1 de l’ebbrei

 

Ve vojjo una bbuggera, ve vojjo.
Er giorno a Rroma ch’entra carnovale
li ggiudii vanno in d’una delle sale
de li Conzervatori2 a Ccampidojjo;

 

e ppresentato er palio prencipale
pe rriscattasse da un antico imbrojjo,3
er Cacamme4 jordissce un bell’orzojjo5
de chiacchiere tramate de morale.

 

Sta moral’è ccher ghetto6 sano sano
giura ubbidienza a le Legge e mmanate7
der Zenato e dder popolo romano.

 

De cuelle tre pperucche inciprïate
er peruccone allora ch’è ppiú anziano
arza una scianca e jjarisponne: «Andate».

 

Roma, 4 maggio 1833

 




1 L’omaggio.

2 I tre magistrati municipali di Roma.

3 Vedi su ciò il Sonetto...

4 Specie di giudice della sinagoga.

5 Orsoio.

6 Ricinto degli Ebrei.

7 Leggi emanate.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License