Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

948. L’indurgenza papale

 

Sii Bbreve o llongo, ssii Bbolla o bbolletta,
a ste cose sc’è er Papa che cce penza.
Pe mmé te pòzzo 1 cche llindurgenza
beato lui chi ne avé una fetta.

 

Cuest’è una marcanzia che sse dispenza
aggratis a la ggente poveretta:
abbast’a rrigalà cquarche ccosetta
a cquello che tte stenne2 la liscenza.

 

Pe cqualunque peccato se scantini,3
c’è un’indurgenza c’arimedia a ttutto,
fora c’ar tanfeggià4 dde ggiacubbini.

 

Nun c’è indurgenza a sti fijji de mulo;
e cco sto Papa chi vvò ffacce er brutto,5
te dich’io, trova er naso per zuculo.

 

Roma, 10 maggio 1833

 




1 Ti posso dire.

2 Ti stende.

3 Scantinare: prevaricare: translato preso dal cantino degli strumenti musicali.

4 Puzzare.

5 Chi vol farci il brutto: chi vuoi farci il bell’umore.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License