Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

949. La statua cuperta1

 

Ha osservata, monzú, llei ch’è ffrancese,
cuella statua c’arresta2 da sta mano
drent’in fonno a Ssan Pietr’in Vaticano,
sott’ar trono de Pavolo Fernese?

 

La fanno d’un pittore de Milano,
e ttanta bbella, ch’un ziggnore ingrese
’na vorta un zampietrino3 sce lo prese
in atto sconcio e cco l’uscello in mano.

 

Allora er Papa ch’era Papa allora
je fesce ccor bronzo la camiscia
che cce se vede a ttempi nostri ancora.

 

Cuantuncue sce ccerti c’hanno detto
che nnun fussi4 un Milordo su sta sciscia5
de pietra a smanicà,6 mma un chirichetto.7

 

Roma, 10 maggio 1833

 




1 Coperta.

2 Resta.

3 I sampietrini sono «gl’inservienti e insieme artefici esclusivamente addetti alla Rev. Fabbrica di S. Pietro, dalla quale ricevono uno stipendio e un’uniforme».

4 Fosse.

5 Cicia: bella donna.

6 Smanicare: brutta azione oscena!

7 Questa variante favola è veramente in credito a Roma, circa alla statua giacente della Giustizia, scolpita dal milanese Guglielmo della Porta al mausoleo di Paolo iii, e coperta poi nel busto per cura del Bernino con un panno assai ben modellato in rame.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License