Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

951. La perla de le donne

 

Te scojjoneno?!1 oh vvarda2 ch’ingiustizzie!
Tu cche nun pòi trovà ddonna compaggna!
che ttratti tutte case maggnatizzie,
cuante che cce ne ddove se maggna!

 

Te disprezzono?! oh ffijji d’una caggna!
loro! pieni de tàccoli3 e mmalizzie!
A tté! che cquanti fanno l’esercizzie4
l’obbrighi a rrisercià5 ppiazza de Spaggna!6

 

Svergoggnà tté! se ssentí de peggio?!
Tu cche llavori er manico a le spazzole
a ttutti li pivetti7 der Colleggio!

 

Conzólete:8 sei Tuta,9 e ttantabbasta.
Tu ssei come le perle scaramazzole:
er peccato è dder buscio che le guasta.

 

Roma, 11 maggio 1833

 




1 Beffeggiano.

2 Guarda.

3 Mende.

4 Fanno gli esercizi: i soldati.

5 Riselciare, cioè: battere, passeggiando di continuo.

6 Ivi già erano le meretrici protette dalla giurisdizione del Palazzo di Spagna.

7 Ragazzi.

8 Consolati.

9 Gertrude.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License