Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

955. L’arisposta tal’e cquale

 

M’arispose accusí: «Ssentite, sora
Nanna (pe ddí ccome me disse lei),
disce, io nun nné rricca e nné ssiggnora,
disce, d’avecce attorno sciscisbei;

 

ma cquanno semo, disce, a una scertora,
disce, a ccontacce1 li partiti, ehéi,
disce, io ve pòzzo 2 che ssi3 Lleonora
sce n’ha avut’uno, io sce n’ho avuti sei.

 

E ssi(3) nnun me ancora maritata,
cuesto, disce, vor cche mmarincressce
de staccamme4 accusí dda Mamm’e Ttata.

 

Ma llei dar fatto der decan4a de Flessce,5
disce, ariposa, e nnun z’è ppiú svejjata;
e cchi ddorme, se sa,6 nnun pijja pessce».7

 

Roma, 13 maggio 1833

 




1 Contarci.

2 Posso dire.

3 Se.

4 Staccarmi.

4a Servitore.

5 Fesch (il Cardinale).

6 Si sa.

7 Proverbio.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License