Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

962. Er povèta a l’improviso

 

Er Lanarino1 è bbravo: io sciacconzento.2
Ma ssi ssentissi3 tu a li tre Mmoretti4
er zoppo che futtuto farzamento5
je , cce resteressi6 a ddenti stretti.

 

Eh, sse discurre, cristo pe li tetti!,
che jjerzéra, accusí ppe ccomprimento,
bbuttò ggiú ccertottave de sonetti,
ch’er Tasso sciavrìa7 fatto un istrumento.

 

Cantò ’na qualità de povesia,
che ppareva c’Appollo e tutt’er Monte
Parnaso fussi entrato all’osteria.

 

Sce fesce la cascata de Fetonte,
la morte de Sanzone e dde Golia,
Muzzio Scevola all’ara e Orazzio ar ponte,

 

la bbarca de Caronte,
er vol de Cruzzio8 drent’a la voraggine,
e l’incennio de Roma e dde Cartaggine.

 

Roma, 15 maggio 1833

 




1 Un famoso improvvisatore da bettola. Vedi la Prefazione.

2 Ci acconsento.

3 Se sentissi.

4 Nome di una osteria.

5 Dar falzamento equivale al «superare in valore».

6 Ci resteresti.

7 Ci avrebbe.

8 Curzio.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License