Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

963. Le donne bbone, e le bbone donne1

 

Donne mie care, avetesce2 pascenza:
io ve porto pe mmé un amor da cane;3
me ve vorrebbe4 tutte a la cusscenza;
e avanti a vvoi5 rinegherebbe6 er pane.

 

Ma ppuro,7 fra mmé e vvoi in confidenza,
bbecche8 vve maggnerebbe9 sane sane,
sii detto co la bbona e cculiscenza,10
sete in grazzia de ddio troppe11 puttane.

 

Lassamo da una parte la Madonna,
ch’è un zanto che nun è dda nominasse,12
e annàtemene a ttrova13 la siconna.14

 

De le bbone, fra llarte e ffra le bbasse,
ammalappena su sta terra tonna
ce ne ccento secche e ccento grasse.

 

Roma, 16 maggio 1833

 




1 Buona donna, dicesi a una bagascia.

2 Abbiateci.

3 Un amore estremo.

4 Vorrei.

5 Piuttostoché voi.

6 Rinegherei.

7 Pure.

8 Benché.

9 Mangerei.

10 Con buona licenza.

11 Troppe, per «troppo».

12 Nominarsi.

13 Trovare.

14 Seconda.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License