Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

967. Un cuadro bbuffo1

 

Chi è sto bbrutto vecchio caccoloso,
che in logo de stà in pasce in zepportura,
succhia co la bboccaccia er caporello2
de cuella donna, come una cratura?

 

Chì è sta vacca che nnun ha ppavura
de er latte a cquer po’ dde bbambinello,
che ppare er Merdoccheo de la Scrittura,
o, cquanno nun è llui, pare er fratello?

 

A mmé ppuro3 me piasce sto succhietto;
ma ppe cquanto me spremo in comprimenti,
ggnisuna bbalia vo attaccamme4 ar petto.

 

Cuello averà ccentanni, io nnun n’ho vventi
er zuo sta bbasso, e ’r mio sarta5 sur tetto:
duncue? sarà er motivo de li denti.

 

Roma, 18 maggio 1833

 




1 La Carità Romana.

2 Capézzolo.

3 Pure.

4 Attaccarmi.

5 Salta.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License