Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

969. La zitellona levitata1

 

Sora Caterinella! ebbè? cche ffamo?2
se maggna o nnun ze maggna sti confetti?
Che ddiavolo! sti sposi bbenedetti
stanno ancora in der cazzo ar padrAdamo?

 

Me pare un pezzo che bbuttate er lamo,3
ma vve viengheno4 ppochi pesscetti:
è un pezzo che ffischiate all’uscelletti,
ma ssò ffurbi e nnun zènteno5 er richiamo.

 

Eppuro nun zei guercia e nnun zei storta;
e cchi mmai mormorassi,6 Iddio ne guardi,
che nun zai cacà ffijji da la sporta,

 

basta che ttu pportassi sti testardi
a Ssanspirito-in-Zassi7 una sor vorta8
li faressi9 restà ttutti bbusciardi.

 

Roma, 19 maggio 1833

 




1 Lievitata: stagionata.

2 Facciamo.

3 L’amo.

4 Vengono.

5 Sentono.

6 Mormorasse.

7 Ospedale di S. Spirito in Sassia, ov’è la casa degli esposti.

8 Una sol volta: una sola volta.

9 Faresti.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License