Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

970. A li ggiacubbini

 

Giacubbini somari, state in tono,
ché ddoppo er zole vviení er tempaccio.
Nun ve fidate tanto de cuer braccio
der Papa che vve ssempre er perdono.

 

Nun dite: «Er Zanto-Padre è un omo bbono»:
bbon omo nun ddí ssempre cazzaccio;
e ssi una vorta o llantra roppe er giaccio,1


trista la mmerda che ffa ppuzza ar trono!

 

Er Papa, è vvero, ha mmorto ggentilesimo,2
ma un po’ de mosche ar naso che jje vanno,
ve ne ttante pe cquant’è er millesimo.3

 

Giacubbini somari, stat’all’erta:
nun ve mettete sur caval d’Orlanno:4
omo a ccavallo sepportura uperta.5

 

Roma, 19 maggio 1833

 




1 Rompe il ghiaccio.

2 Ha molta gentilezza.

3 1833.

4 Orlando. Proverbio.

5 Altro proverbio.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License