Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

975. Una difficortà indiffiscile1

 

Quelle quattro parole de latino
hanno, dico, d’avé ttanto valore
de mutà mmezzo càlisce de vino
ner zangue che sverzò2 Nnostro Siggnore!

 

Nun badanno3 c’ar gusto e ccar colore,
se diría:4 questa è rrobba de Marino;5
ma nnun badanno a la vista e ar zapone,
s’ha da ggiurà: cquest’è ssangue divino.

 

Ma co la cosa6 che sto sangue arresta7
ner calisce der prete tal e cquale
che ffussi8 ancóra er zugo de l’agresta;9

 

io voría dimannavve10 si11 un bucale12
de vino conzagrato po ddà in testa
de chi sse lo bbevessi,13 e ffajje male.14

 

Terni, 29 maggio 1833

 




1 Difficile.

2 Versò.

3 Non badando.

4 Si direbbe.

5 Marino, terra vicino a Roma, ferace di buoni vini.

6 Ma pel motivo.

7 Resta.

8 Fosse.

9 Il sugo dell’agresto: il vino.

10 Vorrei dimandarvi.

11 Se.

12 Boccale.

13 Se lo bevesse.

14 Fargli.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License