Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

977. Er giudizzio in particolare

 

Mentre in ne l’angonía1 tira er fiatone,2
se3 vede er peccatore accantar letto
er diavolo a mman dritta co un libbrone,
e llangiolo a mman manca co un libbretto.

 

Nell’uno e llantro4 sta ttutto er guazzetto5
de le cose cattive e dde le bbone
c’abbi6 fatto in zuvita er poveretto:
penzieri, parole, opere e omissione.

 

Lui se voría7 scusà, mma Iddio nun usa
de sentí le raggione de chi mmore,
e lo manna8 a l’inferno a bbocca chiusa.

 

Cusí in terra er Vicario der Ziggnore
fa cco li vivi; e nnun intenne9 scusa
da ggnisuno,10 ossii ggiusto o ppeccatore.

 

Terni, 29 maggio 1833

 




1 Agonia.

2 È affannato.

3 Si.

4 Altro.

5 La mistura.

6 Che abbia.

7 Egli si vorrebbe.

8 Manda.

9 Non intende.

10 Nessuno.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License