Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

986. L’udienza de Monziggnore

 

Nun dico che nun vai1 da Monziggnore,
ché de raggione tu cce n’hai d’avanzo:
dico che nun ce vai de doppo-pranzo,
perch’è arta la pasqua,2 Sarvatore.

 

Quell’è er tempo ch’er povero siggnore
fa un po’ de ròtti3 sur zofà de ganzo:4
e llui se pijja quer tantin de scanzo5
pe ddà6 udienza a le pupe7 e ffà l’amore.

 

Oppuramente8 ruzza9 cor caggnolo,
o s’aritira in stanzia a ccontà er morto,10
o bbiastima11 tra ssé dda sol’a ssolo.

 

Nun ciannà12 ddunque a or d’indiggistione,13
ché la matina, è vvero, ddà14 ttorto,
ma er doppo-pranzo nun mmai raggione.15

 

Terni, 18 ottobre 1833

 




1 Che tu non vada, che non ci vada.

2 Essere alta la Pasqua, vuol dire: «essere ubbriachi».

3 Rutti.

4 Stoffa d’oro o d’argento.

5 Intervallo di tempo.

6 Per dare.

7 Femine.

8 Ovvero.

9 Scherza.

10 Oro sepolto.

11 Bestemmia.

12 Non ci andare.

13 Indigestione, per «digestione»: scambio di voci frequente nel popolo.

14 Può dare.

15 Fra i molti prelati, ai quali questo sonetto può riferirsi, non possono passarsi sotto silenzio i monsignori Cioia e Capelletti, il secondo dei quali già governatore di Roma ed oggi cardinale, ed il primo divenuto Uditor della Camera da Commendatore di Santo Spirito, e fra breve cardinale anch’esso.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License