Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

987. Er Curato de ggiustizzia

 

Un curato da mette1 appett’a cquesto
quanno lo pôi trovà ccerchelo puro,2
dotto compagn’a llui, lescit’e onesto,
inzomma un zanto appiccicato ar muro.

 

Addimànnelo3 ar chírico: ecce testo:4
lui te ddì ssi5 cquanto è mmuso duro,
e ssi ppe mmette6 li sciarvelli7 a sesto
er vicolo8 lo trova de sicuro.

 

È un vero Salamone:9 e lo sa Rrosa
si in articolo affari de cusscenza
la santa ggiustizzia in oggni cosa.

 

Lei se10 fasceva fotte da Ggiuvanni,
e llui pe ffajje11 la pinitenza
j’ha12 bbuggiarato un fijjo de settanni.13

 

Terni, 19 ottobre 1833

 




1 Mettere.

2 Pure.

3 Dimandalo.

4 Ecce testis.

5 Se.

6 Mettere.

7 Cervelli.

8 La via, il modo.

9 Salomone.

10 Ella si.

11 Fargli, per « farle ».

12 Gli ha, per «le ha».

13 Un saggio di questa giustizia distributiva lo ha dato un don Diego Mattei, pio parroco in Terni.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License