Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

995. La fruttaroletta

 

Pe mmé ssò stufa1 de stà2 ssur cantone
a ccosce3 callaroste e ccallalesse.
Eppoi, cqua sse ddí,4 ppe cche interresse?
sfiatasse5 un anno pe abbuscà un testone!6

 

Ôh, ssi7 Ddio me provede, in concrusione
vojjo mette8 un telaro, e annà in calesse.
Ccusí, cquanno me cricca9 de stà a ttesse10
ciò11 er capitale mio: nun ho rraggione?

 

Eppoi, ’na donna ch’abbi12 er zutelaro
e ssappi13 tesse la su’ bbrava tela,
nun è ppiú mmejjo d’un callarostaro?

 

Eppoi, questo dich’io: s’io de vela14
in cammio15 d’un mestiere a ffanne16 un paro,
chi mme lo po inibbí?17 vvenno18 le mela.

 

27 ottobre 1833

 




1 Per me sono annoiata, stanca.

2 Di stare.

3 Cuocere.

4 Si può dire.

5 Sfiatarsi.

6 Testone: moneta d’argento di tre paoli.

7 Se.

8 Mettere.

9 Mi aggarba: mi salta il baco.

10 Di stare a tessere.

11 Ci ho.

12 Che abbia.

13 Sappia.

14 Sono di vela: ho desiderio.

15 Cambio, vece.

16 Farne.

17 Proibire.

18 Vendo.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License