Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1001. Li polli de li vitturali

 

Lo sapémo1 che ttutti sti carretti
de gabbie de galline e cceste d’ova
viengheno2 da la Marca: ma a cche ggiova
de sapello a nnoantri3 poverelli?

 

Pe nnoantri la grasscia nun ze4 trova.
Le nostre nun 5 bbocche da guazzetti.
Noi un tozzo de pane, quattr’ajjetti,6
e ssempre fame vecchia e ffame nova.

 

Preti, frati, puttane, cardinali,
monziggnori, impiegati e bbagarini:
ecco la ggente che ppô ffà li ssciali.

 

Perché ste sette sorte d’assassini,
come noantri fussimo animali,
nun ce fanno mai véde7 li quadrini.

 

28 ottobre 1833

 




1 Sappiamo.

2 Vengono.

3 Noi altri.

4 Non si.

5 Non sono.

6 Aglietti.

7 Vedere.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License