Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1006. Er marito vedovo

 

Dàjjela1 co sto lòtono2 futtuto.
Pe mmé nun zo3 ccapí ccosa v’importa.
«E ccos’aveva? E dde che mmale è mmorta
De mancanza de fiato: ecco saputo.

 

Sarà er male ch’er medico ha vvorzuto.4
Uno n’ha dda viení cche cce se5 porta.
So cch’è spirata, e mmanco6 se n’è accorta,
e ss’è ttrova7 de llà ccome sto sputo.8

 

Ihí che gguai! Nun me ne pijjo io
che mmera mojje, e vvaffriggete voi!
Bbisoggna la volontà de Ddio.

 

Credo che mm’abbi9 messe tante corna,
pe ddílla10 in confidenza cqui ffra nnoi,
che mmó ssalut’a mmé ffin c’aritorna.

 

31 ottobre 1833

 




1 Dagliela: e da capo.

2 Cantilena, lagno.

3 Non so.

4 Voluto.

5 Ci si.

6 Nemmeno.

7 Trovata.

8 Qui si deve sputare, per accompagnare la parola coll’azione.

9 Mi abbia.

10 Per dirla.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License