Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

27. Pe la Madonna de l’Assunta
festa e Comprïanno1 de mi’ mojje

 

Mojje mia cara, a sto paese cane
nun ze trova nemmanco a a sassate;2
e cquanno hai crompo3 un moécco4 de patate,
fai passo ar vino e cquer ch’è peggio ar pane.

 

Io pisto er pepe, sòno le campane,
rubbo li gatti, tajjo l’oggna5 a un frate,
metto l’editti pe le cantonate,
cojjo6 li stracci e agliuto le ruffiane.

 

Embè lo sai ch’edè cche cciariscévo?7
Ammalapena pe ppagacce8 er letto:
anzi, a le du’ a le tré,9 spallo10 e cciarlèvo.11

 

Duncue che tt’ho da , ppòzzi èsse santa?
Senza cudrini12 ggnisun chirichetto
disce Dograzzia e ggnisun ceco canta.

 

Roma, 15 agosto 1830 - De Peppe er tosto

 

 




1 Compleanno.

2 Non si trova ad occuparsi in nulla.

3 Comperato.

4 Baiocco.

5 Le unghie.

6 Raccolgo.

7 Cos’è che ci ricevo?

8 Pagarci.

9 Sovente.

10 Do in fallo.

11 Arlevarci: toccar busse.

12 Quattrini.

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License