Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1007. Er teolico1

 

V’appetterà er piovano ch’è ppeccato
de a uno: «Te pijji un accidente».
Nun ce credete: nun è vvero ggnente:
ttutte cacheríe2 der zor Curato.

 

Che3 bbene je se4 fa ccor 5 a la ggente:
«Pòzzi6 èsse7 santo, pòzzi avé un papato»?
Chi era sciorcinato8 è cciorcinato,
e oggni cosa arimàne istessamente.

 

La vita nostra è in mano der Ziggnore;
e nnoi potémo cquer che cce cricca,9
ché cquanno Iddio nun vo, llomo nun more.

 

Se10 sente puro11 a a la ggente ricca:
«Siino impiccati», e ddijjelo12 de core;
ma un ricco, dite un po’, cchi vve l’impicca?

 

31 ottobre 1833

 




1 Il teologo.

2 Sono tutte invenzioni zelanti.

3 Qual.

4 Gli si.

5 Col dire.

6 Possa tu.

7 Essere.

8 Ciorcinato: misero.

9 Ci va per la mente.

10 Si.

11 Pure.

12 Dirglielo, per dirlelo.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License