Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1008. Li soffraggi

 

Quanto me1 fanno ride2 tant’e e ttanti
co le su’ divozzion de doppo morte!
E llimosine, e mmesse, e llumi, e ccanti,
e llasscite, e indurgenze d’oggni sorte!

 

Nun hanno fatto mai ccusì li Santi.
Bbisoggna in vita empìssele le sporte.
Er bene, si lo vòi,3 mànnel’avanti4
a ffàtte5 largo e spalancà le porte.

 

Sapete Iddio de llà ccosa v’intòna
quanno er bene sciarriva pe ssiconno?6
«Annate7 via, canajja bbuggiarona.

 

La robba vostra me la date adesso,
perché l’avévio8 da lassà in ner Monno,
e nnun potevio9 strascinalla appresso».

 

31 ottobre 1833

 




1 Mi.

2 Ridere.

3 Se lo vuoi.

4 Mandalo avanti.

5 A farti.

6 Ci arriva per secondo.

7 Andate.

8 Avevate.

9 Potevate.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License