Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1009. Er bene pe li Morti

 

Oggi se ccomincio1 all’ottavario
de li poveri Morti; e ddite puro2
che ttra ppredica, moccoli, e rrosario,
se3 vòta er purgatorio de sicuro.

 

Se sa,4 a le donne, llì mmezz’a lo scuro,
quarche ppízzico ar culo è nnescessario.
Quarche smaneggio tra la porta e ’r muro
serve a li vivi pe un tantin de svario.

 

Ecco er fine de tante bbaraonne5
de regazze che vvanno pe le cchiese.
Quest’è ’r carnovaletto de le donne.

 

Tutte sciànno6 piú o mmeno er zuracchietto,7
e llí, ssiconno8 er genio der paese,
fanno l’amore senza ssospetto.

 

novembre 1833

 




1 Si principio.

2 Pure.

3 Si.

4 Si sa.

5 Baraonde: frotte.

6 Ci hanno, semplicemente «hanno».

7 Il suo ganzo.

8 Secondo.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License