Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1013. La madre canibbola1

 

Madraccia sscellerata! a una cratura
annajje2 a ddà le gginocchiate in petto?!
metteje3 er culo su lo scallaletto
eppoi menajje4 su la scottatura?!

 

Legallo a un luscernario inzin che ddura
la sperella der zole in cimar tetto;
e un tantino che ppiaggne, poveretto,
5 li bbòtti pe mmétteje6 paura?!

 

Che ste barbererìe le facci un padre
che ppò ddì: cquesto nun è ffijjo mio,
tant’e ttanto s’intenne:7 ma una madre!

 

Ma una madraccia che ll’ha ppartorita
e jj’ha ddato er zusangue! Ah nnò, pper dio,
, ttra le tigre nun z’è mmai sentita.

 

2 novembre 1833

 




1 Cannibala.

2 Andargli.

3 Mettergli.

4 Menargli: batterlo.

5 Fare.

6 Mettergli.

7 S’intende.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License