Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1015. Le stelle

 

Bbella dimanna!1 «De che ssò2 le stelle?».
Io sciò3 una rabbia sciò cche mme sciaccoro.4
Bbasta avé llocchi in fronte da vedelle
pe ppotello capí. Ssò ttutte d’oro.

 

Che tte ne pare? nun è un ber lavoro
c’ha ffatto Ggesucristo, eh Raffaelle?
Mette5 per aria tutto quer tesoro,
che sse6 move da sé! cche ccose bbelle!

 

Questo , ssò un po’ ttroppe7 piccinine,
perché dde tante nun ce n’è mmanc’una
che nnun pàrino8 occhietti de galline.

 

Che jje9 costava a Ddio? poca o ggnisuna
fatica de crealle, per un díne,10
granne,11 ar meno che ssii, come la luna.

 

3 novembre 1833

 




1 Dimanda.

2 Sono.

3 Ci ho.

4 Mi ci accoro.

5 Mettere.

6 Si.

7 Troppo. È uso del volgo di accordare la preposizione col nome.

8 Paiano.

9 Gli.

10 Per un dire: per modo di esempio.

11 Grandi.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License