Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1018. Mosconi regazzi1

 

Antro2 s’ar Papa io je volevo bbene!
Io so cche in de l’affare der trentuno,
quannera all’orlo d’arrestà3 a ddiggiuno,
javería4 dato er zangue in de le vene.

 

Ma da quer temp’in poi fa ttante sscene
sto sor Mossciarellaro der bell’uno,5
ch’io (e sta cosa nun la a ggnisuno)6
me ne frego de lui ppiú cche dde mene.7

 

Viè a Rroma dar bell’uno e ddar ber-dua8
a ffà er cazzaccio!9 Poteva, pe ccristo,
stà a vvenne10 le fusajje a ccasa sua.

 

De tanti ggiacubbini, uno impiccato,
uno ch’è uno, nun ze m’è mmai visto!
È un Papa questo che ppòzzi èsse11 amato?

 

15 novembre 1833

 




1 Alcuni uomini, quasi tutti del Friuli, vanno per Roma gridando: Moscia moscia: oh fusaglia dolce: mosconi, ragazzi. Sono i così detti mosciarellari, che vendono castagne infornate e poi bollite, lupini, e mosconi verdi...

2 Altro.

3 Di restare.

4 Gli avrei.

5 Belluno, patria di S. S.

6 Non la dire a nessuno.

7 Di me.

8 Bel-due.

9 A fare lo sciocco.

10 Stare a vendere.

11 Possa essere.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License