Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1021. Le riformazzione

 

Perza1 ch’ebbe la lite, er zor Marchese
disse a la mojje: «Cqua, Mmarchesa mia,
bbisogna un po’ ppiú de colomia,2
mette3 ggiudizzio, e arisegà le spese».

 

De fatti, cominciorno a ccaccià vvia
li maestri der fijjo: poi s’intese
ch’aveveno calato un tant’er mese
a le paghe de sala e scuderia.

 

Doppo de questo scassorno dar rollo4
tutti li famijjari ggiubbilati,
ch’uno s’annò5 a bbuttà da ponte-mollo.6

 

Inzomma, poverelli, e striggni e strozza,
de tanti sfarzi nun ze llassati7
ch’er casino, er teatro e la carrozza.

 

16 novembre 1833

 




1 Perduta.

2 Di economia.

3 Mettere.

4 Dar ruolo.

5 Si andò.

6 Dal Pontemolle o Milvio.

7 Non si sono lasciati.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License