Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1026. Er povero ladro

 

Nun ce mmica tanto, Monziggnore,
de stà llí a ssede1 a ssentenzià la ggente
e dde :2 cquesto è rreo, quest’è innoscente.
Er punto forte è de vedejje er core.

 

Sa cquanti rei de drento hanno ppiú onore
che cchi de fora nun ha ffatto ggnente?
Sa llei che cchi ffa er male e sse ne pente
è mmezzangelo e mmezzo peccatore?

 

Io 3 lladro, lo so e mme ne vergoggno:
però llobbrigo suo saría de vede4
si5 ho rrubbato pe vvizzio o ppe bbisoggno.

 

S’avería6 da capí cquer che sse7 pena
da un poveromo, in cammio8 de stà a ssede
sentenzianno la ggente a ppanza piena.

 

21 novembre 1833

 




1 Di star a sedere.

2 E di dire.

3 Io sono. Il lo so, che segue poco appresso, è del verbo sapere.

4 Sarebbe di vedere.

5 Se.

6 S’avrebbe.

7 Quel che si.

8 In cambio.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License