Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1031. La promessa der romano

 

Sor Giacubbino mio, tutte le palle
nun riescheno tonne, io ve l’avviso.
Ancòra sce 1 ssanti in paradiso
che a la Cchiesa je guardeno le spalle.

 

Abbasta, abbasta quer c’avete riso:
vviè l’inacqua lagrimàr’in valle.2
Adesso è ’r tempo de le facce ggialle,
sor giacubbino mio, gruggno d’impiso.3

 

Sentirete che nnespole,4 fijjolo,
oggi ch’er Papa pe ggrazzia de Ddio
chiama cqua li su’ amichi der Tirolo.

 

Lassàteli arrivà, cché ssubbit’io
ve viengo a ddà er bon giorno, e vve conzolo
co cquattro stoccatelle a ggenio mio.

 

27 novembre 1833

 




1 Ci sono.

2 Ora viene l’in hac lacrymarum valle.

3 Faccia d’impiccato.

4 Che bòtte.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License